Ritorno a casa: qualche riflessione conclusiva.

«La nostra meta non è mai un luogo, ma piuttosto un nuovo modo di vedere le cose.»

Il 25 Luglio abbiamo fatto ritorno alla nostra vita di sempre.
Siamo a casa ormai da due settimane e, dopo una dura fase di riadattamento alla routine quotidiana, eccoci di nuovo qui, a trarre qualche riflessione conclusiva sulla nostra avventura.
Guardandoci possiamo leggere l’uno negli occhi degli altri tutto quello che il progetto Messaggeri della Conoscenza ci ha dato: non si tratta semplicemente di nozioni accademiche acquisite su un argomento che fino a qualche tempo fa ci era sconosciuto, quanto piuttosto di un nuovo modo di vedere le cose che abbraccia tutti gli aspetti della vita che abbiamo condotto a Londra. Sperimentare un diverso sistema universitario, nuovi modi di apprendimento, entrare a contatto con così tante culture diverse, fare gioco di squadra condividendo ogni singolo momento con i propri colleghi e allo stesso tempo imparare a cavarsela da soli e adattarsi alla lontananza da casa.
È difficile quantificare le emozioni e le impressioni che Messaggeri della Conoscenza ci ha regalato in due mesi, così come è difficile dare un’esatta definizione delle impressioni che invece ci ha dato il ritorno: felici e soddisfatti del lavoro fatto, un po’ nostalgici, ma impazienti per le nuove stimolanti esperienze che il futuro, speriamo, ci riserverà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *