Giornata di studi “L’Egitto a Salerno, passando per Londra”

L’esperienza dei 5 studenti dell’Università di Salerno che hanno partecipato al progetto Messaggeri della Conoscenza non si è ancora conclusa. La fase finale, che consiste nella disseminazione dei risultati ottenuti dal progetto, si sviluppa nella seconda metà di Ottobre 2014.

Il primo appuntamento è fissato al 20 Ottobre presso l’ateneo salernitano, dove avrà luogo una giornata dedicata all’esposizione degli obiettivi raggiunti e dell’esperienza vissuta dai 5 studenti. Di seguito il programma:

Lunedì 20 Ottobre 2014 alle ore 11,30 presso l’aula 13 DISPAC 

L’Egitto a Salerno, passando per Londra.

Introduzione ai lavori: “Cosa è il progetto Messaggeri della Conoscenza”

(Direttore DISPAC  Prof. Mauro Menichetti e del coordinatore del progetto a Salerno, Dr. Marco Russo)

Dietro le quinte del progetto Messaggeri della Conoscenza: “Come è nato, dove è arrivato, perché è andato a Londra e non in Egitto” (coordinatore del progetto a Londra, Dr. Gianluca Miniaci, University College London)

L’importanza di avere esperienze al di fuori dei confini nazionali. Una testimonianza diretta (Prof. Andrea Manzo, Università Orientale di Napoli)

Vi raccontiamo l’Egitto con gli occhi di noi studenti. Vivere, conoscere, studiare a Londra (Vincenzo Di Rosa, Jessica Elia,  Serena Memoli, Simona Sarnicola, Luna Taurone).

Inoltre, l’Università di Salerno, promotrice del progetto Messaggeri della Conoscenza, sarà ospite alla rinomata “Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico” che si terrà a Paestum dal 30 Ottobre al 2 Novembre 2014. In questa occasione sarà possibile incontrare alcuni responsabili del progetto e visionare l’ebook che raccoglie le esperienze degli studenti e i risultati conseguiti per mezzo del progetto.

Ritorno a casa: qualche riflessione conclusiva.

«La nostra meta non è mai un luogo, ma piuttosto un nuovo modo di vedere le cose.»

Il 25 Luglio abbiamo fatto ritorno alla nostra vita di sempre.
Siamo a casa ormai da due settimane e, dopo una dura fase di riadattamento alla routine quotidiana, eccoci di nuovo qui, a trarre qualche riflessione conclusiva sulla nostra avventura.
Guardandoci possiamo leggere l’uno negli occhi degli altri tutto quello che il progetto Messaggeri della Conoscenza ci ha dato: non si tratta semplicemente di nozioni accademiche acquisite su un argomento che fino a qualche tempo fa ci era sconosciuto, quanto piuttosto di un nuovo modo di vedere le cose che abbraccia tutti gli aspetti della vita che abbiamo condotto a Londra. Sperimentare un diverso sistema universitario, nuovi modi di apprendimento, entrare a contatto con così tante culture diverse, fare gioco di squadra condividendo ogni singolo momento con i propri colleghi e allo stesso tempo imparare a cavarsela da soli e adattarsi alla lontananza da casa.
È difficile quantificare le emozioni e le impressioni che Messaggeri della Conoscenza ci ha regalato in due mesi, così come è difficile dare un’esatta definizione delle impressioni che invece ci ha dato il ritorno: felici e soddisfatti del lavoro fatto, un po’ nostalgici, ma impazienti per le nuove stimolanti esperienze che il futuro, speriamo, ci riserverà.